Parco di Monza

Viale dei Tigli

Il viale dei Tigli, perpendicolare a Viale Cavriga, collega la Portineria di Monza alla collina di Vedano, seguendo l’andamento delle mura esterne lungo il confine sud occidentale del Parco.

Come già evidenziato nelle tavole d’inizio Ottocento dell’architetto Canonica, il Viale dei Tigli con i suoi multipli filari di alberi ad alto fusto, costituisce una cortina visiva che separa il parco dalle vie della città, lo cela, e ne custodisce le meraviglie. Il primo tratto del viale in direzione nord costeggia l’area del Frutteto Matematico, recentemente recuperato, con al centro la Cascina Frutteto. Seguendo il confine del Parco, il viale piega poi nettamente a est verso Cascina Fontana, per terminare ai piedi della Collinetta di Vedano. Il tiglio, specie arborea utilizzata tradizionalmente nei viali alberati per offrire ombra durante la calura estiva, inebria col profumo dei suoi fiori in giugno e luglio, e offre uno spettacolo per gli occhi quando le sue foglie virano ad un acceso giallo in autunno.