Parco di Monza

Rospo smeraldino

Bufo viridis

È un anfibio anuro della famiglia Bufonidae. È più piccolo del rospo comune e raggiunge al massimo i 10cm.; le femmine sono visibilmente più grandi dei maschi. La colorazione varia dal marrone al beige chiaro con chiazze verde smeraldo; frequentemente la sua livrea è impreziosita da puntini rossastri. Sul collo presenta delle ghiandole parotoidi più allungate di quelle del rospo comune. Emette un richiamo piuttosto forte, molto simile al trillo dei grilli. I maschi in riproduzione tendono a "cantare" in gruppi numerosi. Il rospo smeraldino è protetto dalla convenzione di Berna per la salvaguardia della fauna minore. Si nutre di insetti, lombrichi e tutto quello che riesce a catturare. Dopo il letargo invernale inizia la stagione degli accoppiamenti: i rospi si recano vicino ai luoghi di riproduzione (solitamente vicino a corsi d'acqua, pozze o stagni). La femmina depone in acqua un cordone gelatinoso di circa 13.000 uova, che vengono fecondate dal maschio e dalle quali usciranno girini di colore grigio-marrone, lunghi anche 4,5cm, che si nutriranno di alghe e altri minuscoli materiali organici fino alla metamorfosi. Più è calda l'acqua, più veloce sarà la metamorfosi: ai girini spuntano prima le zampe inferiori poi quelle anteriori, poi si riassorbe la coda che scompare nel giro di 24 - 48 ore.