Giardini Reali

Portale neogotico

Il Portale d’ingresso ai Giardini Reali è stato edificato nel 1850, in stile Neogotico, con materiali quasi certamente provenienti dal Duomo di Milano.

All’epoca in cui il conte Radetzky era governatore del Lombardo-Veneto, l’architetto Giacomo Tazzini si occupò, come direttore dei lavori, della costruzione del portale d’ingresso al Parco verso la città di Monza, in corrispondenza dei Boschetti reali. La scelta di adottare lo stile gotico è sintomo della volontà del tempo di aderire alla moda dei revival.

Nella parte inferiore del portale si osservano capitelli goticheggianti, arco a sesto acuto, modanature a torciglioni, finte finestre chiuse da arco flesso con pinnacoli superiori, archi trilobati. La parte sommitale, invece, presenta una raffinata decorazione a traforo, delicate realizzazioni in marmo, guglie e pinnacoli che sembrano confermare un'origine distante nel tempo, come ipotizzato dalla letteratura.

Questa si è scarsamente occupata del portale, ma ipotizza che alcune parti di esso provengano dal Duomo di Milano, con il cui apparato decorativo presenta puntuali corrispondenze formali.