Parco di Monza

Ponte della Cavriga

Realizzato tra il 1831 e il 1833 su progetto dell’architetto Giacomo Tazzini, il ponte prende il nome dalle capre ("cavre" in dialetto lombardo) che erano solite brucare all'ombra del ponte.

Il Ponte della Cavriga è uno dei quattro ponti che attraversano il fiume Lambro all’interno del parco di Monza, con il Ponte delle Catene, il Ponte dei Bertoli e il Ponte Neoclassico. Tra questi fu tuttavia l’unico ad essere ritratto (con l’antico toponimo Cabriga) nelle litografie di Carlo Sanquirico per la raccolta delle Vedute principali dell’I.R. Villa di Monza, quasi certamente perché permette il più importante attraversamento del parco. Come gli altri, anche il Ponte della Cavriga ha subito modifiche nel corso del XIX secolo. Realizzato in pietra Ceppo con un’unica campata ad arco ellittico, il ponte presenta parapetti realizzati con colonnine di pietra collegati tra loro da struttura in ferro.

Nel parco sono inoltre presenti diversi altri ponti che guadano le rogge, in muratura, pietra o cemento, e anche alcuni più piccoli, in legno, per corsi d’acqua più piccoli e laghetti.