Parco di Monza

Percorsi Di Versi

In occasione di EXPO 2015, il Consorzio Il Consorzio Villa Reale e Parco di Monza, il Centro documentazione Residenze Reali lombarde , La Casa della Poesia di Monza e il Collegio di Monza degli Architetti e Ingegneri hanno dato vita a PERCORSI DIVERSI, un progetto che vede l’inserimento nel Parco di Monza di due differenti itinerari culturali, uno di poesie inedite sulle tematiche Expo e uno di approfondimento storico sul parco stesso. La Cultura è il sottile filo che unisce i due percorsi: solo dando valore alla cultura infatti si valorizzano e si rilanciano i beni, le attività culturali e il turismo di un territorio. I  PERCORSI DI-VERSI  sono stati curati da Antonetta Carrabs, Presidente de La Casa della Poesia di Monza, con la collaborazione di Diana Battagia, de La Vita Felice Editore, mentre il progetto scientifico dei PERCORSI DI CONOSCENZA è di Marina Rosa, Presidente del Centro documentazione Residenze Reali lombarde, con il coordinamento di Lucia Tenconi. I 70 pannelli posizionati lungo i due percorsi, curati nella grafica da Linda Cornelius,  sono stati realizzati attraverso una struttura leggera, assolutamente non impattante, studiata da Sandro Gnetti. PERCORSI DIVERSI  Una pluralità di voci per EXPO 2015 resterà allestita nel Parco sino alla fine di ottobre 2015.

 

PERCORSI DI CONOSCENZA E’ un’iniziativa mirata a portare i numerosi fruitori, italiani e stranieri, del più grande parco cintato d’Europa ad apprenderne storia evolutiva, caratteristiche paesaggistiche, ambientali e architettoniche e, quindi, a meglio comprenderne l’intrinseca caratteristica di parco storico. Solo attraverso la conoscenza si sviluppa infatti senso civico, rispetto e, quindi, salvaguardia. Testi, immagini, elaborati in forma divulgativa su basi solidamente scientifiche da un gruppo di studiosi, membri o collaboratori del CdRR, raccontano sinteticamente edifici, luoghi, punti di vista particolari o punti panoramici di rilevante interesse. Il tutto accompagnato da immagini storiche e da alcuni dei numerosi disegni che ne hanno illustrato la storia evolutiva. Sono presenti 36 postazioni distribuite all’interno del Parco e anticipate, alle porte, da pannelli indicativi del percorso generale che approfondiscono, con testi e didascalie in italiano ed inglese, la conoscenza delle due ville duriniane, delle numerose cascine distribuite nel Parco, del sistema di viali e rondò, dei ponti e delle acque, rogge Pelucca e Principe comprese. Hanno scritto i testi: Corrado Beretta, Giorgio Buizza, Emma Corselli, Laura Di Bella, Laura Lazzaroni, Francesca Milazzo, Paolo Paleari, Marina Rosa e Lucia Tenconi, che ha anche curato il coordinamento scientifico generale, nonché, assieme a Chiara Ongaro, la redazione dei testi. Le traduzioni sono di Paolo Mariani Daniela Binfarè, Avril Jones Mack.

PERCORSI  DI – VERSI Il percorso poetico , a cura de La Casa della Poesia di Monza si snoda lungo un itinerario all’interno del Parco Reale di Monza e vede l’installazione di 30 pannelli espositivi, ognuno dei quali contiene il testo inedito di un poeta contemporaneo italiano sui temi EXPO, la sua traduzione in inglese curata da Erika Pauli e Laura Ricci e un tratto d’arte dell’artista Maria Micozzi. I poeti che hanno donato una propria poesia per l’occasione sono:Sebastiano Aglieco, Lino Angiuli, Corrado Bagnoli, Cristina Balzaretti, Marco Bellini, Alessio Brandolini, Franco Buffoni, Luigi Cannillo, Anna Maria Carpi, Salvatore Contessini, Vittorino Curci, Roberto Deidier, Renzo Favaron, Annamaria Ferramosca, Stefano Guglielmin, Tomaso Kemeny, Giancarlo Majorino, Piero Marelli, Cinzia Marulli, Luciana Moretto, Guido Oldani, Rita Pacilio, Isabella Panfilo, Elio Pecora, Paolo Pezzaglia, Laura Ricci, Davide Rondoni, Luigia Sorrentino, Salvatore Sblando, Anna Toscano. Il parco diventa così un’importante location per promuovere, attraverso la poesia, la riqualificazione ambientale, le culture, la sostenibilità. La rassegna Mirabello Cultura farà da supporto all’iniziativa e darà voce alla diffusione delle conoscenze e dei saperi lungo un intero anno ricco di eventi culturali che rappresenteranno un’opportunità di dialogo tra scienze, tecnologie e culture al fine di favorire modelli nuovi di rilancio.