Parco di Monza

Cascina Casalta

Costruita tra il 1805 e il 1825 su progetto del Canonica, la cascina si trova nel cuore del Parco di Monza, in posizione privilegiata tra grandi prati e zone boscate, Villa Mirabello e poco distante dal Mulino del Cantone sul Fiume Lambro.

Per quanto il progetto si debba all’architetto Luigi Canonica, la Cascina fu poi completata da Giacomo Tazzini. Il progetto d’ampliamento fu invece curato dall’ingegnere di corte Tarantola alla fine dell’Ottocento, rielaborando ed esaltando i caratteri stilistici tardo-neoclassici che già la contraddistinguevano. Il fabbricato si sviluppa attorno a una corte rustica su cui si affacciano stalle e fienili. Attualmente è destinato a usi abitativi.

La Cascina è composta da cinque edifici di cui quattro (corrispondenti ai locali di Cascina Casalta Nuova e annessi fienili) disposti intorno ad una corte centrale, a formare una struttura planimetrica a U. L'ingresso ad arco, al centro della facciata, introduce all'aia interna, racchiusa da edifici adibiti a stalle e fienili. Il corpo di fabbrica più antico era stato infatti progettato per ospitare i “massari” impiegati nel parco.

Tutti gli edifici sono in muratura di mattoni pieni, con solai lignei o in laterizio e copertura a falde con manto in coppi. Presentano inoltre un loggiato su due piani sostenuto da colonnine neoclassiche in granito di base ottagonale. Gli attuali paramenti murari in stile neoclassico, che riproducono mattoni in cotto, conservano le originarie colonnine in granito del loggiato.

Collegamenti: