Parco di Monza

Carpino Bianco

Carpinus betulus, Fam. Betulaceae
Nome comune: Carpino bianco, Carpine

Albero deciduo alto fino a 20 metri e molto diffuso in tutta l’Europa. Ha la corteccia grigio-argentata e liscia, con caratteristiche striature bianche visibili soprattutto negli esemplari vecchi. Le foglie, ovali con nervature molto definite, assumono in autunno uno splendido colore ramato e tendono a seccare sul ramo prima di cadere. I frutti sono grappoli di acheni circondati da una lamina fogliacea trilobata. Resistente alla potatura, è molto utilizzato, anche storicamente, per formare siepi compatte. Per la sua alta capacità di sviluppare polloni, veniva utilizzato per formare boschi cedui. Il nome, di radice celtica, ricorda l’uso che se ne faceva nella costruzione di gioghi (car legno e pen testa), mentre l’appellativo “bianco” si riferisce al colore del suo legno.

Nel Parco è molto comune, sia nei boschi sia come piante isolate. Alcuni esemplari contornano il Rondò della Stella, altri, in filare si trovano lungo il Viale dei Carpini.